28/07/2017

Scienze della Vita

Un approccio multidisciplinare per innovare e rendere competitivo il settore

Con il tavolo di lavoro che ieri ha coinvolto gli operatori regionali attivi nelle scienze della vita, si è concluso il primo ciclo di incontri delle piattaforme tematiche della S3 Calabria.

Dopo l’intervento di Menotti Lucchetta, Dirigente del Settore Ricerca, che ha illustrato le traiettorie della S3 dell’area dedicata alla salute, Fabrizio Conicella, Direttore di Bioindustry Park, ha descritto il piano strategico 2017 del Cluster Tecnologico Nazionale Alisei, specificando le linee d’azione e i modelli di intervento e cooperazione proposte dal cluster. Conicella ha evidenziato come la multidisciplinarietà sia fra i trend mondiali nelle life sciences per integrare prevenzione, capacità predittiva, personalizzazione e partecipazione alla costruzione e gestione delle soluzioni per la salute.

L’esigenza di un approccio alla salute multi-tecnologico e multi-disciplinare è emerso anche da molti degli interventi degli attori della piattaforma: Aldo Ferrara di Piccola Industria Calabria, Francesco Puoci dello spin-off Macrofarm dell’ateneo cosentino, Giovanni Cuda Presidente del polo d’innovazione Biotecnomed.

Da qui l’idea, emersa durante l’incontro, di sviluppare un possibile approfondimento sulla contaminazione tra aree d’innovazione (scienze della vita, agroalimentare, ambiente, ICT) per valorizzare le competenze tecnologiche e di mercato esistenti su temi che spaziano dalla nutraceutica alla sicurezza degli alimenti, dalla prevenzione alla qualità della vita.

Durante l’incontro è stato anche più volte richiamato l’interesse a promuovere la partecipazione calabrese al Meet in Italy for Life Science, il più importante evento italiano dedicato all’innovazione nel settore, che si svolgerà ad ottobre a Torino e che prevede momenti di incontro b2b tra ricerca e imprese, un contest per startup del settore e un convegno sui principali trend mondialidelle life sciences.

In chiusura Antonio Mazzei, manager di Fincalabra e CalabriaInnova, ha lanciato la proposta di una rilevazione delle infrastrutture tecnologiche innovative presenti nelle imprese del settore, con l’obiettivo di mettere a fattor comune le risorse disponibili, adattando opportunamente quanto già lanciato per l’area Smart Manufacturing.

Durante le conclusioni Menotti Lucchetta, nel ricordare le opportunità offerte dal bando del MIUR “PON Ricerca e Sviluppo” pubblicato di recente, ha annunciato che il “circuito”dei partecipanti alle piattaforme tematiche potrà essere utilizzato, con semplici strumenti on-line disponibili sulle pagine della S3, per facilitare la messa in rete dei soggetti e l’attivazione di proficue partnership per la partecipazione a progetti PON e altri programmi nazionali ed europei.