24/10/2017

Ricerca biomedicale e start up calabresi al Meet in Italy for Life Science 2017

Disponibili presentazioni e foto-gallery dell'evento

L'opportunità di promuovere una partecipazione congiunta delle imprese e della ricerca calabrese alla IV edizione di Meet in Italy for Life Science, il principale appuntamento nazionale di matchmaking e di aggiornamento su temi di attualità nel settore, fissato a Torino, dal 11 al 13 ottobre 2017, è emersa in occasione dell'incontro della Piattaforma Tematica regionale Scienze della Vita dello scorso 27 luglio

Con l’adesione di Fincalabra al comitato organizzatore, attraverso il progetto strategico CalabriaInnova, e con il supporto dei partner calabresi della rete Enterprise Europe Network, Unioncamere Calabria e SPIN srl, l’evento è stato anche una vetrina internazionale per la ricerca e innovazione nell’area Scienze della Vita e un’opportunità per l’avvio di collaborazioni tecniche e commerciali per startup e pmi innovative calabresi.

A tale proposito, concludendo il workshop “Biomedical research in Calabria and perspectives for technology transfer“, Mark Coticchia (vice presidente e CIO alla Fondazione Henry Ford Health System) ha sottolineato che la Calabria dispone dei “building blocks”, infrastrutture, competenze e impegno istituzionale, che può usare con successo nei processi di “open innovation” che grandi aziende e centri sanitari mondiali stanno attuando.

Il workshop (12 ottobre) è stato partecipato da numerosi operatori nazionali e internazionali ed ha permesso di presentare il quadro degli strumenti regionali (Lucchetta, Regione Calabria) e tre tematiche rilevanti per una proiezione extraregionale delle attività di ricerca e innovazione calabresi, quali le tecnologie e le applicazioni avanzate di Biomedical Imaging (Cuda, CNR e UniCZ, Barberi, Unical), la piattaforma regionale per le Scienze Omiche (Cuda, UniCZ, Passarino, Unical), le tematiche della nutraceutica e sicurezza ambientale (Mollace, UniCZ, Pezzi, Unical). Lo sviluppo di startup innovative è stato al centro degli interventi sull'esperienza del Talent Lab (Mazzei, Fincalabra), sulle aziende partecipanti agli incontri B2B (Donato, SPIN) e dei successi di due startup nel programma Horizon 2020 europeo (Pasqua di Nanosilical Devices; Bonanno di Arcon).

Intanto, nei giorni 11 e 12 ottobre, 12 operatori calabresi hanno partecipato attivamente agli incontri B2B del MIT4LS, presentando 36 profili di prodotti, servizi e brevetti e realizzando oltre 70 incontri con buone opportunità di diffusione commerciale e collaborazioni tecnologiche in Italia ed Europa. Si tratta di 8 PM: Arcon con stetotelephone, CHT con una pinza per laparoscopia, Biophenols con la tecnolgia NPMID per estrazione biofenoli, iDelivery con  “nanocarrier” dermatologici per calvizie e psoriasi, Nanosilical Devices con nanoparticelle per drug delivery, Grunta con IllCare, ImagEngLab con Sphere, Med4Fit con un software sulla forma fisica. Presenti inoltre Biotecnomed, il Liaison Office dell'Università della Calabria, e due operatori nazionali con collegamenti in Calabria (CIRM e Techinnova).