30/03/2020

CuraItalia Incentivi

Tramite Invitalia sostegno alle imprese per la produzione e la fornitura di dispositivi medici e per l’acquisto di presidi sanitari

Invitalia mette in campo contro il COVID-19 importanti misure che hanno l’obiettivo di sostenere e affiancare il mondo delle imprese su scala nazionale per affrontare le sfide legate al contenimento e al contrasto dell’emergenza epidemiologica, per rispondere alla crescente domanda di ventilatori e respiratori per la terapia intensiva e di sistemi di protezione individuale (come mascherine, occhiali, camici e tute di sicurezza) e garantire, al contempo, la sicurezza dei processi produttivi.

L’Agenzia per lo sviluppo, in qualità di soggetto attuatore per conto del Commissario Straordinario per l’Emergenza Domenico Arcuri, gestisce la misura #CuraItalia Incentivi che sostiene, con una dotazione finanziaria di 50 milioni di euro, la produzione e la fornitura di dispositivi medici e di dispositivi di protezione individuale (DPI) attraverso l’ampliamento o la riconversione delle attività.
Gli incentivi, introdotti nel Dl Cura Italia, si rivolgono a tutte le imprese costituite in forma societaria (anche le società di persone) senza vincoli di dimensione, ad esclusione delle ditte individuali e le partite IVA.

La dimensione del progetto di investimento può variare da 200mila euro a 2 milioni di euro. È prevista la concessione di un mutuo a tasso zero a copertura del 75% del programma di spesa ed un meccanismo di premialità legato alla velocità di realizzazione dell’intervento: il mutuo agevolato può trasformarsi in fondo perduto al 100% se l’investimento si completa entro 15 giorni, al 50% se si completa entro 30 giorni, al 25% entro 60 giorni.

Tra i vantaggi di #CuraItalia Incentivi, inoltre, la procedura light e gli adempimenti ridotti per i proponenti con un iter di valutazione semplificato in 5 giorni e l’erogazione di un anticipo del 60% della spesa senza garanzie.

Lo sportello per la presentazione delle domande, attraverso la piattaforma informatica di Invitalia, è stato aperto lo scorso 26 marzo. Le istanze saranno valutate in base all’ordine cronologico di arrivo, fino ad esaurimento dei fondi.

Invitalia ha in capo anche la gestione dei contributi alle imprese per la sicurezza e potenziamento dei presidi sanitari allo scopo di sostenere la continuità, in sicurezza, dei processi produttivi delle imprese, a seguito dell’emergenza sanitaria.

L’Inail, infatti, entro il 30 aprile 2020 provvederà al trasferimento ad Invitalia di un importo di 50 milioni di euro da erogare alle imprese per l’acquisto di dispositivi ed altri strumenti di protezione individuale (a valere sulle risorse già programmate nel bilancio di previsione 2020 dello stesso istituto per il finanziamento dei progetti di crui all’art.11, comma 5, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81).

Dal link sottostante è possibile accedere alla pagina del portale Invitalia dedicato alle misure per l’emergenza Covid.