19/07/2021

La Regione Calabria entra nel Programma Interreg Grecia-Italia 2021-2027

Un importante traguardo di cooperazione territoriale europea per uno sviluppo transfrontaliero dei territori calabresi

La Commissione Europea ha recentemente individuato nelle comunità Grecaniche di Calabria le peculiarità geo-politiche necessarie per considerare la Regione Calabria eleggibile alla partecipazione al Programma Interreg Grecia-Italia 2021-2027, l’iniziativa bilaterale di cooperazione transfrontaliera che ha come obiettivo principale la definizione di una strategia di crescita tra i due paesi. Grande soddisfazione per Ersilia Amatruda, dirigente del settore competente “Programmazione - Cooperazione - Capacità istituzionale e progetti strategici”, che ha delegato per il Comitato di Programmazione di Grecia-Italia il responsabile di servizio Nicola Mayerà. La partecipazione della Regione Calabria è stata ufficializzata, insieme a quella della Regione Basilicata, provincia (NUTS3) di Matera, con la presenza del Dott. Mayerà al Comitato di Programmazione tenutosi il giorno 14 luglio.
 
Durante la Programmazione 2014-2020 il Programma Italia-Grecia, a cui ha partecipato per l’Italia la sola Regione Puglia, ha portato avanti con una dotazione di oltre 100 milioni di Euro, un’attività finalizzata ad uno sviluppo smart, sostenibile e inclusivo sulla base degli assi prioritari di innovazione e competitività, gestione integrata dell’ambiente, turismo culturale e sostenibile e sistemi di trasporto sostenibili multimodali (ferro-mare, Ro-Ro, etc.). Il focus del Programma è consistito nello scambio di conoscenze, esperienze e buone pratiche tra gli stakeholder delle aree coinvolte e nella progettazione e implementazione di azioni pilota per lo sviluppo di politiche di crescita sostenibile, per la creazione di prodotti e servizi innovativi e per il supporto agli investimenti nei settori dell’economia verde & circolare.
 
La nuova edizione del Programma Interreg Grecia-Italia 2021-2027 vede dunque oggi aprire le sue porte anche alla Regione Calabria che partecipa con le provincie (NUTS3) di Catanzaro, Cosenza, Crotone e Reggio Calabria. Si tratta di un traguardo importante e strategico frutto di una lunga attività di negoziazione iniziata già nel 2018 e che ha avuto l’obiettivo di sottoporre nel tempo all’attenzione della Commissione Europea, dell’Agenzia di Coesione, delle Regioni partecipanti e del Governo Centrale l’importante aderenza dei territori calabresi a questo tipo di Programma. Le argomentazioni a sostegno della candidatura sono state suffragate da numerosi studi atti ad evidenziare la affinità del contesto regionale calabrese nei confronti di quello greco, un insieme ampio di similarità: economiche, territoriali, culturali, ambientali e turistiche.
 
Le interlocuzioni avvenute tra Regione Calabria e gli organismi della Commissione Europea hanno avuto inoltre il merito di essere riuscite a risolvere l’ostacolo del limite transfrontaliero marittimo di 150km tra i territori di Calabria e Grecia, condizione che non avrebbe inizialmente consentito l’eleggibilità del territorio regionale calabrese; una condizione superata grazie alla rilevanza del legame tra le due culture, fortemente testimoniato dalle presenze grecaniche nella nostra regione.
 
Questo aspetto diventa un valido argomento a favore di un altro obiettivo su cui la Regione Calabria sta lavorando, ovvero la proposta di partecipazione ad un altro programma strategico di cooperazione transfrontaliera, quello Italia – Albania - Montenegro, per il quale è stata richiesta la candidatura e avviato il processo di negoziazione.
 
La Regione Calabria dimostra con questa nuova iniziativa il suo instancabile impegno nel considerare la Cooperazione Territoriale Europea un’importante opportunità di sviluppo e uno strumento di programmazione e gestione dei fondi comunitari, attraverso la capitalizzazione di progetti pilota, piani di azione e strategie per la governance di implementazione dei fondi europei di sviluppo regionale (fondi strutturali). L’adesione al Programma Interreg Grecia-Italia 2021-2027 va ad aggiungersi ad altri importanti progetti di cooperazione in corso come Eni CBC Med - Greenland e Interreg MED - Best MED, anch’essi segno di una continua attenzione ai contributi strategici per l’innovazione e la crescita in chiave transfrontaliera della Regione Calabria.